venerdì 18 aprile 2014

Il Molo Bestoso di Alassio riapre dopo Pasqua (come previsto dalla fine lavori): pavimentazione e stucchi devono stabilizzarsi (???). L'Amministrazione alassina di Enzo Canepa aveva annunciato una preapertura della struttura per il 18 aprile, ma la Ditta (seria) pare non aver acconsentito alle pressioni politiche.

Da "ivg.it" del 18 aprile 2014

Il Molo Bestoso sarà riaperto al pubblico in tempi brevi. A confermarlo è il sindaco Enzo Canepa che parla di “questione di giorni, quelli necessari alla stabilizzazione della pavimentazione”. La scelta di eseguire la stuccatura delle fughe delle piastrelle con una materiale idoneo molto particolare, richiede infatti tempi lunghi di asciugatura.

“L’apertura in vista del ponte pasquale era possibile – spiegano -, ma avrebbe comportato la necessità di precludere al passaggio ampie aree del pontile, oltre al rischio fondato di danni con conseguente ulteriore esborso di denaro pubblico. Abbiamo preferito seguire i consigli dei progettisti, anche considerate le previsioni meteo avverse per il fine settimana: il concentrarsi di pioggia ed elevata affluenza potrebbe infatti avere conseguenze deleterie sugli stucchi non completamente stabilizzati”.

Una scelta dettata da prudenza, dunque, per l’amministrazione Canepa, per evitare di vanificare gli sforzi degli ultimi mesi e gli elevati costi sostenuti, anche considerata la scadenza dell’incarico alla ditta esecutrice, fissata per il 1 maggio. “Ci scusiamo con la cittadinanza – conclude Canepa – per l’attesa ed assicuriamo una pronta e completa fruibilità della struttura in tempi brevissimi”.

I gruppi Consiliari "Insieme x" e "Progetto Alassio" chiedono la convocazione urgente del Consiglio Comunale in merito alla prevista assunzione dal 1 Maggio prossimo del Comandante del Corpo di Polizia Locale.

Insieme x –Progetto Alassio
  
                             Comunicato stampa
  
I gruppi Consiliari Insieme x e Progetto Alassio hanno protocollato lo scorso 14 Aprile  una richiesta di convocazione urgente del Consiglio Comunale , causata della possibile sussistenza di motivi rilevanti ed indilazionabili in merito alla prevista assunzione dal 1 Maggio prossimo del Comandante del Corpo di Polizia Locale .

La richiesta nata dal principio dell'autotutela dell'Ente e dal senso di responsabilità e collaborazione  dei gruppi di minoranza  ha riscontrato l'ennesimo diniego dell'amministrazione al confronto costruttivo .

La decisione di discutere il punto in prossimità della data del 1 Maggio espone inevitabilmente l'Ente al forte rischio qualora fossero fondate le nostre osservazioni, di non poter eventualmente  porre riparo ad atti che creeranno grandi difficoltà amministrative.

 Sarà quindi eventualmente  da ascrivere esclusivamente all'incapacità di confronto ed all' irrilevante spirito Democratico di  questa maggioranza ogni conseguenza negativa.

 Angelo Galtieri.                                                   Piera Olivieri.

I pagliaccetti ‘made in Alassio’ (di Luciano Corrado)

Da "trucioli.it" del 17 aprile 2014

Per la serie di ‘pagliaccetti made in Alassio’. La storiella, non fosse che l’albenganese-alassino Antonio Ricci  giocherebbe in casa e  ha interessi alla luce del sole, merita un puntata di Striscia la notizia, oppure l’intervento dell’ illustre Gabibbo. Questa volta la vittima è un umile giornalista della Baia del Sole.  Il suo nome non ha bisogno di presentazioni: Giò Barbera, coniugato, papà,  che a fine luglio scorso era stato di fatto favorito  in modo becero (non per colpa sua) con un incarico di 5 mesi da addetto stampa del Comune. Ora ‘punito’ senza un perché nel modo più sfacciato, grida vendetta davanti agli uomini e a Dio. Oggi, come allora, la libera stampa tace. Non per disonestà, in Liguria la casta silente e connivente è anche questa. E’ quella di giornalisti pensionati d’oro o d’argento che continuano a collaborare, pagati, in giornali e tivù, di fatto sottraendo lavoro a disoccupati, a giovani magari sfruttati da anni con contratti capestro e da fame.

Per leggere tutto clicca sotto:

Rinasce l'Associazione Albergatori di Alassio

Da "LA STAMPA" del 18 aprile 2014


Anche un Villaggio di Pasqua per i turisti che scelgono Alassio

Da "LA STAMPA" del 18 aprile 2014


Restauro della statua di Papa Giovanni XXIII a Pietra Ligure



giovedì 17 aprile 2014

Turisti segnalano


Budello ore 22:04

Provincia di Savona: "Illegittimi i parcheggi costruiti sotto il nuovo stadio Ferrando di Alassio". Le motivazioni contenute nel Voto N.732 del 20 marzo 2014 del Comitato Tecnico Urbanistico Provinciale

Da "LA STAMPA" del 17 aprile 2014


Da "IL SECOLO XIX" del 17 aprile 2014






Una passeggiata sopraelevata ad Alassio: la proposta del Sib al Sindaco Enzo Canepa

Da "ivg.it" del 16 aprile 2014

“Una delegazione dei concessionari di Passeggiata Grollero si recherà, nei prossimi giorni, dal Sindaco di Alassio Enzo Canepa, per chiedere di prendere seriamente in considerazione la possibilità di realizzare una passeggiata sopraelevata come quella già esistente (Passeggiata Ciccione) al fine di risolvere definitivamente il problema dell’impossibilità di vedere il mare durante i mesi estivi”. 

Ad annunciarlo è la segreteria dell’associazione bagni marini di Alassio.

Dal Sib spiegano anche quali vantaggi porterebbe una soluzione di questo tipo: “Con una realizzazione simile si darebbe ai turisti l’opportunità di passeggiare tranquillamente con una vista mare sicuramente migliore di quella attuale e nel contempo si continuerebbero ad offrire quei servizi che ad oggi, per il tipo di turismo presente in Alassio, appaiono ancora irrinunciabili quali le cabine. Certamente una realizzazione simile, alla quale parteciperebbero economicamente anche i concessionari stessi, potrebbe imporre qualche sacrificio ai pubblici esercizi presenti nella passeggiata ma i concessionari sono fiduciosi che la particolare sensibilità dimostrata dagli stessi nei confronti dei turisti aiuterà a superare le eventuali problematiche che potrebbero sorgere dalla realizzazione di una passeggiata sopraelevata”.

“Vista la poca profondità dell’arenile, precisiamo che, anche quest’anno i Concessionari Balneari hanno presentato le pratiche per realizzare, a loro esclusive spese, opere di ripascimento tramite sorbonatura per garantire agli ospiti di Alassio una spiaggia adeguata. Presumibilmente i costi, come già sopportati anche per gli anni dal 2009 a oggi saranno di circa 300.000 euro” concludono dalla segreteria del Sib alassino.

lunedì 14 aprile 2014

La doppia morale del Partito Democratico


COMUNICATO STAMPA NOMINA CAVALIERI ORDINE MAURIZIANO PROVINCIA DI SAVONA



Il Notaio non può delegare l'attività ai suoi collaboratori

Da "IL SOLE 24 ORE" del 5 aprile 2014


Vedi la registrazione del Consiglio Comunale di Alassio

Watch live streaming video from comunealassio at livestream.com
Watch live streaming video from comunealassio at livestream.com

In tempi di "spending review" apriamo una finestra sui costi delle opere pubbliche, alla ricerca di eventuali possibili risparmi.












Centro Studi Sul Turismo dell’Alberghiero e Macramè presentano il cooking team di “Italian Food Riviera Class” per l’EXPO 2015

Alassio (SV). Presentato al responsabile eventi dell’Expo, Piero Galli, il progetto del Centro Studi Sul Turismo F. Maria Giancardi “Italian Food Riviera Class” pensato per promuovere la cucina ligure nella grande esposizione universale di Milano 2015.

Italian Food Riviera Classè un progetto formativo, svolto in partnership tra l’Istituto Alberghiero F. Maria Giancardi di Alassio e il consorzio alassino Macramè, finalizzato alla valorizzazione e alla promozione dei prodotti DOP e IGP liguri in occasione degli eventi che le aziende liguri organizzeranno durante la grande kermesse.

La collaborazione tra la scuola e i più prestigiosi ristoranti alassini è volta alla creazione di un team di giovani talenti che formeranno “La Classe” dell’Italian Riviera Food.

Gli chef e i maitre dei ristoranti appartenenti al consorzio Macramè, insieme ai tutor della Scuola, avranno il compito di trasmettere ai discenti le abilità e le conoscenze in grado di fornire le competenze professionali necessarie a garantire al gruppo di poter rappresentare la Liguria nei consessi nazionali ed internazionali.

In concreto, compito della “Classe” sarà presentare e cucinare le eccellenze dell’ Italian Riviera Food durante eventi, workshop, fiere, simposi e manifestazioni gastronomiche.

Tra gli obiettivi, come sottolinea Franco Laureri responsabile del percorso formativo, oltre all’integrazione tra scuola e mondo del lavoro e tra scuola e società, il riconoscimento del merito scolastico in un’ottica di valorizzazione delle eccellenze umane e di quelle materiali ed immateriali del nostri territori.

Lo sviluppo del progetto sarà affidato al Centro Studi sul Turismo della Scuola, al quale spetterà il compito di elaborare un piano di marketing e comunicazione capace di capitalizzare oltre l’expo 2015 il brand Italian Riviera Food.

domenica 13 aprile 2014

Gaetano Donizetti - Ouvertures

La sinistra che diventa destra (di Giuseppe Civati)

Da "ciwati.it" del 13 aprile 2014

Ieri il premier ha attaccato chi non è d’accordo con lui: non è una novità, lo fa praticamente tutti i giorni. Poi, certo, chiede di non litigare.

L’argomento principale è sempre lo stesso: se la sinistra non fa quello che dice lui, come lo dice lui, nel momento in cui lo dice lui, diventa destra.

Si tratta di argomento immediatamente reversibile.

Perché a me pare che la sinistra diventi destra quando fa esercizio (continuo) di prepotenza (eufemismo).

Quando promette cose, durante le campagne elettorali, poi ne fa altre.

Quando approva leggi elettorali che ammazzano la rappresentanza (se ne sono accorti, con tre mesi di ritardo, anche i sostenitori di Cuperlo).

Quando parla male di chi fa cultura.

Quando è insofferente alle critiche, quando non riconosce alcuna dignità al pensiero critico, quando si concede reazioni smodate nei confronti di persone completamente prive di potere, come dice oggi Lorenza Carlassare.

Quando non ha rispetto per il pluralismo.

Quando attacca da posizioni di forza i più deboli, sfottendoli.

Quando si affida a facili manicheismi, tra acceleratori e frenatori, senza sapere di che cosa si sta parlando.

Quando affronta con leggerezza le questioni costituzionali.

Quando ha disprezzo per il dibattito parlamentare, quando fa caricature degli altri, quando usa la propria forza per banalizzare questioni e anche persone.

Quando aumenta la precarietà che dice di voler diminuire.

Quando prolunga legislature con maggioranze che nessuno ha votato.

Quando dice o così o niente, ultima spiaggia, non ci sono alternative, dopo di me il diluvio.

Quando riduce tutto ad unum, in un senso molto particolare.

Ma certo questa è una mia opinione.