martedì 22 aprile 2014

"INSIEME X" dice la sua sul molo di Alassio

                                                           
 Insieme X
    Comunicato stampa


Abbiamo assistito neutrali alle scelte compiute dall'amministrazione sul pontile Bestoso, per evitare la solita strumentale accusa di essere causa di ritardi o intralcio al completamento dei lavori.

Abbiamo subito i limiti del ruolo cui è relegata la minoranza in un contesto come il nostro.

Abbiamo patito la scelta di questa maggioranza che, come la precedente, non si é voluta confrontare né sulla destinazione da dare al  pontile, né sull'arredo illumino-tecnico.

Oggi però non possiamo e non vogliamo esimerci dal nostro ruolo di controllo e dall'esprimere le nostre considerazioni politico-amministrative.

Sul piano amministrativo, abbiamo protocollato richiesta di consuntivo economico sui tre stralci che hanno riguardato l'opera, dall'amministrazione Aicardi, per passare a quella Avogadro, a chiudere con il completamento dell'amministrazione Canepa.

Sul piano politico, abbiamo registrato ancora una volta  che le nostre aspettative erano decisamente sovrastimate poiché visti i tempi complessivi di chiusura del pontile ed i soldi investiti, riteniamo limitata la visione del pontile esclusivamente legata ad area di passeggio.

Il pontile per noi era, in prospettiva, la via di sviluppo ad un possibile incremento turistico per flussi crocieristici di qualità, una porta d'accesso anche per Yacht alla fonda nella Baia o anche, semplicemente, un  pontile strutturato, come quello di Laigueglia, che ha registrato nel 2013 oltre 10.000 sbarchi legati ad escursioni di prossimità (da Genova e Savona).

Ebbene, niente di tutto questo ad oggi si concretizza, dopo quattro anni di cantiere e diversi milioni di euro investiti, non si è riusciti a garantire il passeggio a Pasqua nè un arredamento illumino-tecnico armonico allo stile della Città.

Come sempre le nostre aspettative sono eccessivamente ottimistiche rispetto a quelle della maggioranza, ma forse qualcosa potrebbe cambiare in futuro, se per una volta un esponente di questa amministrazione riconoscesse i limiti del risultato ottenuto e chiedesse scusa alla Città.

                                                                                       C.C. Angelo Galtieri
                                                                                       C.C. Giovanni Parascosso

Alberi "sotto attacco" in tutta Italia!

Alberi "sotto attacco" in tutta Italia!
...e spesso tocca ai cittadini difendere gli alberi!

Ad Alassio un turista francese trova portafoglio con 2.565 euro e lo porta alla polizia: trovato il proprietario. Al cittadino francese va il nostro apprezzamento!

Da "ivg.it" del 22 aprile 2014

Un cittadino francese di 48 anni, residente a Hendaye (F), ha consegnato al Commissariato della Polizia di Stato un portafoglio che aveva rinvenuto nei giardini antistanti il palazzo comunale di Alassio.

All’interno, oltre a documenti personali, una carta bancomat, una carta di credito ed una carta viacard, vi erano 4 banconote da 500 euro, 4 banconote da 100, 3 banconote da 50, 1 banconota da 20, 1 banconota da euro 10 ed una banconota da 5 euro, per un totale di 2.585 euro.

Gli agenti, tramite i documenti personali, sono risaliti subito al proprietario del portafoglio, un turista di 65 anni di Lonate Bozzolo (VA), al quale è stato restituito il tutto presso il commissariato alassino.

PEAGNA RINGRAZIA DON GERINI

Nel giorno di Pasqua l’ultima commossa messa domenicale celebrata dal Parroco

Una chiesa affollata come mai, una commozione fortissima con bambini e fedeli in lacrime, prima di un forte e lungo applauso finale le parole di ringraziamento espresse dalla comunità parrocchiale e dall’Amministrazione comunale per mezzo del Sindaco, hanno caratterizzato la celebrazione della messa di Pasqua nella parrocchiale di San Giovanni Battista della frazione Peagna di Ceriale
I cuori e la mente dei parrocchiani erano afflitti e scoraggiati dalla notizia della obbligata rinuncia di Mons. Fiorenzo Gerini dalla guida della Comunità, dopo ben 60 anni ininterrotti di guida pastorale “perché tanti sono stati gli anni di grazia” - come ha evidenziato il rappresentante della comunità “Peagnola” -   in cui “ha sempre esercitato il Suo zelante ministero sacerdotale,  donando a tutti gioia, conforto, attenzione e solidarietà”.
Per rendere idea della grandezza del pastore che lasciava la guida della parrocchia è stata citala la Bibbia con il libro della Sapienza, definendo lo stimatissimo sacerdote “riflesso della luce perenne, uno specchio … dell’attività di Dio e un’immagine della Sua bontà” (Sap. 7, 26).
Don Gerini ha celebrato la sua ultima messa domenicale nel giorno di Pasqua dopo aver ricevuto, dal Vescovo di Albenga–Imperia, l’invito a lasciare la guida della parrocchia Cerialese, sebbene ancora in ottimo stato di salute e dinamico nella attività pastorali e parrocchiali. Per mesi ha nascosto a tutti questa decisione dolorosa, sofferta in modo personale e silenzioso, perché temeva che la sua comunità reagisse contro le gerarchie ecclesiastiche per quella che tutti ritengono una negativa ed inumana decisione. Ma egli ha dato un’ulteriore segno del suo attaccamento alla chiesa ed alla filiale obbedienza all’Ordinario Diocesano, promessa nel giorno della sua consacrazione presbiteriale.
Un Parroco amatissimo da tutti che per ben sei decenni ha guidato e seguito il “gregge affidatogli” con amore paterno, fedeltà, competenza e affetto, in particolare i bambini ed i ragazzi. Un sacerdote che ancora pochi giorni or sono era passato di famiglia in famiglia a consegnare personalmente il bollettino parrocchiale ed a formulare gli auguri pasquali.
Molti i sentimenti affiorati in questi giorni nelle tre generazioni che hanno conosciuto l’ex economo diocesano. Tutti lo ricordano con grande riconoscenza per i decenni  di vita che ha donato ai suoi fedeli nelle attività di preghiera e parrocchiali, oltre che nelle feste. Non sono state dimenticate le molte opere fatte e che senza la sua volontà mai sarebbero state realizzate di cui gode tutta la comunità Cerialese: dal Santuario di Nostra Signora delle Grazie alle opere parrocchiali di località Capriolo, dalle strutture della sagra al restauro delle chiese parrocchiali, quella nuova e quella vecchia senza dimenticare la biblioteca, il premio letterario “Anthià”, la rassegna “libro di Liguria” e tante altre.
“Ha sempre cercato di capire le problematiche, analizzandole con grande lucidità, evidenziando i lati positivi ed intervenendo su quelli negativi per trasformarli e convertirli comunque secondo l’insegnamento di Cristo; un vero esempio della Chiesa che accoglie tutti, sostiene i bisogni spirituali e materiali di ciascuno” dicono di Lui i fedeli a Peagna.
Il Sindaco Ennio Fazio, che rappresentava il Comune di Ceriale unitamente all’assessore Marinella Fasano ed ad altri consiglieri comunali, ha portato il saluto e ringraziamento della società civile ricordando l’impegno del parroco, rispettato e considerato da tutti e che si è sempre fatto promotore delle  esigenze quotidiane degli abitanti della frazione. Il primo cittadino, scherzosamente ha riferito che: “quando venivo a Peagna mi sentivo vice-sindaco perché il vero sindaco era mons. Gerini” . Ha ricordato che all’arrivo del Parroco, nel 1954, la frazione, costituita da case di agricoltori, aveva poche strade, non asfaltate, non aveva i servizi primari (mancava l’acqua potabile, la fognatura, la pubblica illuminazione l’acquedotto irriguo ecc…) ed il parroco si è fatto più volte portavoce di quelle necessità con la pubblica amministrazione. Se oggi Peagna è una bella frazione lo si deve soprattutto a don Gerini. Prima dell’abbraccio finale, ha altresì ricordato come la domenica gli abitanti di Peagna, emigrati sulla piana Albenganese, facevano – e lo fanno tutt’ora -  ritorno alla frazione di origine per la messa di don Gerini in segno di attaccamento e rispetto per il loro parroco.
I suoi parrocchiani, che ha infinitamente amato, si consolano solo con il fatto che rimarrà come “parrocchiano di Peagna”, in aiuto del nuovo pastore, come ha promesso commosso, con la voce rauca e le lacrime agli occhi, nel ringraziare tutti i presenti per l’affetto dimostrato.
Tutti s’interrogano sulla motivazioni di questa scelta e non comprendono ancor oggi la necessità della sostituzione di un benvoluto, apprezzato, rispettato e stimato sacerdote, conosciuto in tutta la Diocesi Ingauna. 
Domenica 27 Aprile invece farà il suo ingresso come nuovo pastore, alla presenza del vicario generale della Diocesi,  Don Cosimo Quaranta, 53 anni e sacerdote dal 01/10/1988, già missionario ed ancor prima alla guida della comunità cristiana di Cisano sul Neva, Conscente e di S.Maria Maggiore in Castelvecchio di Imperia.




Vandali all'assalto delle cabine sull'arenile di Alassio

Da "IL SECOLO XIX" del 22 aprile 2014



domenica 20 aprile 2014

N. Paganini: Variazioni sul tema Carnevale di Venezia - Violino Salvatore Accardo

In tempi di "spending review" apriamo una finestra sui costi delle opere pubbliche, alla ricerca di eventuali possibili risparmi.





(12/04/2014)


(11/04/2014)





FINE LAVORI (20/04/2014)




Parte da Alassio la guerra per l'orizzonte

Da "IL SECOLO XIX" del 20 aprile 2014

Con gli stabilimenti balneari 
ritorna il "muro" che cancella
il panorama.
"Basta, allontana i turisti"

"Togliete le cabine, lasciateci vedere il mare":
centinaia di firme sulla petizione on line



Il BRIXTON commenta l'assoluzione.

Da "LA STAMPA" del 20 aprile 2014


Il Molo Bestoso di Alassio riapre dopo Pasqua (come previsto dalla fine lavori): pavimentazione e stucchi devono stabilizzarsi (???). L'Amministrazione alassina di Enzo Canepa aveva annunciato una preapertura della struttura per il 18 aprile, ma la Ditta (seria) pare non aver acconsentito alle pressioni politiche. Restano alte le polemiche.

Da "LA STAMPA" del 20 aprile 2014


Da "IL SECOLO XIX" del 19 aprile 2014



Da "ivg.it" del 18 aprile 2014

Il Molo Bestoso sarà riaperto al pubblico in tempi brevi. A confermarlo è il sindaco Enzo Canepa che parla di “questione di giorni, quelli necessari alla stabilizzazione della pavimentazione”. La scelta di eseguire la stuccatura delle fughe delle piastrelle con una materiale idoneo molto particolare, richiede infatti tempi lunghi di asciugatura.

“L’apertura in vista del ponte pasquale era possibile – spiegano -, ma avrebbe comportato la necessità di precludere al passaggio ampie aree del pontile, oltre al rischio fondato di danni con conseguente ulteriore esborso di denaro pubblico. Abbiamo preferito seguire i consigli dei progettisti, anche considerate le previsioni meteo avverse per il fine settimana: il concentrarsi di pioggia ed elevata affluenza potrebbe infatti avere conseguenze deleterie sugli stucchi non completamente stabilizzati”.

Una scelta dettata da prudenza, dunque, per l’amministrazione Canepa, per evitare di vanificare gli sforzi degli ultimi mesi e gli elevati costi sostenuti, anche considerata la scadenza dell’incarico alla ditta esecutrice, fissata per il 1 maggio. “Ci scusiamo con la cittadinanza – conclude Canepa – per l’attesa ed assicuriamo una pronta e completa fruibilità della struttura in tempi brevissimi”.

I gruppi Consiliari "Insieme x" e "Progetto Alassio" chiedono la convocazione urgente del Consiglio Comunale in merito alla prevista assunzione dal 1 Maggio prossimo del Comandante del Corpo di Polizia Locale.

Da "LA STAMPA" del 20 aprile 2014


Insieme x –Progetto Alassio
  
                             Comunicato stampa
  
I gruppi Consiliari Insieme x e Progetto Alassio hanno protocollato lo scorso 14 Aprile  una richiesta di convocazione urgente del Consiglio Comunale , causata della possibile sussistenza di motivi rilevanti ed indilazionabili in merito alla prevista assunzione dal 1 Maggio prossimo del Comandante del Corpo di Polizia Locale .

La richiesta nata dal principio dell'autotutela dell'Ente e dal senso di responsabilità e collaborazione  dei gruppi di minoranza  ha riscontrato l'ennesimo diniego dell'amministrazione al confronto costruttivo .

La decisione di discutere il punto in prossimità della data del 1 Maggio espone inevitabilmente l'Ente al forte rischio qualora fossero fondate le nostre osservazioni, di non poter eventualmente  porre riparo ad atti che creeranno grandi difficoltà amministrative.

 Sarà quindi eventualmente  da ascrivere esclusivamente all'incapacità di confronto ed all' irrilevante spirito Democratico di  questa maggioranza ogni conseguenza negativa.

 Angelo Galtieri.                                                   Piera Olivieri.

venerdì 18 aprile 2014

I pagliaccetti ‘made in Alassio’ (di Luciano Corrado)

Da "trucioli.it" del 17 aprile 2014

Per la serie di ‘pagliaccetti made in Alassio’. La storiella, non fosse che l’albenganese-alassino Antonio Ricci  giocherebbe in casa e  ha interessi alla luce del sole, merita un puntata di Striscia la notizia, oppure l’intervento dell’ illustre Gabibbo. Questa volta la vittima è un umile giornalista della Baia del Sole.  Il suo nome non ha bisogno di presentazioni: Giò Barbera, coniugato, papà,  che a fine luglio scorso era stato di fatto favorito  in modo becero (non per colpa sua) con un incarico di 5 mesi da addetto stampa del Comune. Ora ‘punito’ senza un perché nel modo più sfacciato, grida vendetta davanti agli uomini e a Dio. Oggi, come allora, la libera stampa tace. Non per disonestà, in Liguria la casta silente e connivente è anche questa. E’ quella di giornalisti pensionati d’oro o d’argento che continuano a collaborare, pagati, in giornali e tivù, di fatto sottraendo lavoro a disoccupati, a giovani magari sfruttati da anni con contratti capestro e da fame.

Per leggere tutto clicca sotto:

Rinasce l'Associazione Albergatori di Alassio

Da "LA STAMPA" del 18 aprile 2014


Anche un Villaggio di Pasqua per i turisti che scelgono Alassio. ANNULLATO PER MALTEMPO

Da "LA STAMPA" del 18 aprile 2014


Restauro della statua di Papa Giovanni XXIII a Pietra Ligure



giovedì 17 aprile 2014

Turisti segnalano


Budello ore 22:04

Provincia di Savona: "Illegittimi i parcheggi costruiti sotto il nuovo stadio Ferrando di Alassio". Le motivazioni contenute nel Voto N.732 del 20 marzo 2014 del Comitato Tecnico Urbanistico Provinciale

Da "LA STAMPA" del 17 aprile 2014


Da "IL SECOLO XIX" del 17 aprile 2014






Una passeggiata sopraelevata ad Alassio: la proposta del Sib al Sindaco Enzo Canepa

Da "ivg.it" del 16 aprile 2014

“Una delegazione dei concessionari di Passeggiata Grollero si recherà, nei prossimi giorni, dal Sindaco di Alassio Enzo Canepa, per chiedere di prendere seriamente in considerazione la possibilità di realizzare una passeggiata sopraelevata come quella già esistente (Passeggiata Ciccione) al fine di risolvere definitivamente il problema dell’impossibilità di vedere il mare durante i mesi estivi”. 

Ad annunciarlo è la segreteria dell’associazione bagni marini di Alassio.

Dal Sib spiegano anche quali vantaggi porterebbe una soluzione di questo tipo: “Con una realizzazione simile si darebbe ai turisti l’opportunità di passeggiare tranquillamente con una vista mare sicuramente migliore di quella attuale e nel contempo si continuerebbero ad offrire quei servizi che ad oggi, per il tipo di turismo presente in Alassio, appaiono ancora irrinunciabili quali le cabine. Certamente una realizzazione simile, alla quale parteciperebbero economicamente anche i concessionari stessi, potrebbe imporre qualche sacrificio ai pubblici esercizi presenti nella passeggiata ma i concessionari sono fiduciosi che la particolare sensibilità dimostrata dagli stessi nei confronti dei turisti aiuterà a superare le eventuali problematiche che potrebbero sorgere dalla realizzazione di una passeggiata sopraelevata”.

“Vista la poca profondità dell’arenile, precisiamo che, anche quest’anno i Concessionari Balneari hanno presentato le pratiche per realizzare, a loro esclusive spese, opere di ripascimento tramite sorbonatura per garantire agli ospiti di Alassio una spiaggia adeguata. Presumibilmente i costi, come già sopportati anche per gli anni dal 2009 a oggi saranno di circa 300.000 euro” concludono dalla segreteria del Sib alassino.